Tempo di lettura: 15 minuti
Ci eravamo promessi di tornare sul tema dell’infiammazione dopo aver trattato di astrologia sacra e di segni zodiacali.

La motivazione di tale scelta risiede nel fatto che noi siamo il nostro cervello ed è proprio quest’ultimo il responsabile delle capacità di agire, comunicare, pensare, essere di buon umore, avere una discreta memoria, comportarci correttamente e, soprattutto, saper immaginare.

Se il nostro cervello è in buona salute anche la nostra esistenza sarà piena e felice.

Aver cura del nostro cervello significa allontanare gli stati infiammatori che possono crearsi a causa di alimentazione errata, eccesso di stress, assunzione di troppi farmaci, tossine di varia natura, mancanza di un sonno ristoratore e simili.

Prima di proseguire con la lettura, ti consigliamo di recuperare i seguenti approfondimenti:

L’infiammazione come causa delle malattie
Astrologia sacra: collegamenti con la nostra salute e gli eventi di “una” Vita
Astrologia sacra: un metodo di visualizzazione

Premessa
Da circa una cinquantina di anni la medicina moderna ha demonizzato i grassi di qualsiasi tipo e valorizzato i carboidrati e gli zuccheri andando così a creare un esercito di malati in cui l’infiammazione regna sovrana.

Solo negli ultimi anni alcuni medici ricercatori non conformisti stanno pubblicando studi sulla necessità di favorire la produzione di chetoni da parte del nostro fegato per poter eliminare gli zuccheri in eccesso e i grassi dannosi, e poter così alimentare i mitocondri con energia “pulita”.

Ippocrate affermava che “tutte le malattie hanno origine nell’intestino” ed è proprio lì che ha il “quartier generale” il nostro sistema immunitario e che si trova il nostro “secondo cervello”, ovvero un sistema nervoso enterico che dialoga in maniera bidirezionale con quello centrale e condiziona tutti i nostri comportamenti e stati d’animo.

Non è certo nostra intenzione dare consigli sulla dieta (è sempre opportuno affidarsi a professionisti del settore), ma possiamo portare all’attenzione di chi ne avrà curiosità il fatto che limitando i cereali e quindi il glutine, la frutta e gli zuccheri in generale e facendo prevalere nella nostra alimentazione i grassi sani quali gli olii di oliva o di cocco, i “frutti” animali quali le uova oppure ciò che contiene Omega 3, lo stato infiammatorio diminuisce immediatamente e tutti i nostri organi ne gioiscono.

PER APPROFONDIRE

Nel blog trovi numerosi approfondimenti sul tema del cibo e delle intolleranze legate al nostro benessere sottile:

Un aiuto per alimentarsi correttamente e rispettare tutti gli esseri viventi
Come avere un buon rapporto con il cibo
Intolleranze e allergie: differenze, effetti e rimedi

I corpi sottili e l’astrologia sacra
Ma tornando a noi… cosa ha a che fare l’astrologia sacra con l’infiammazione e, quindi, con la dieta?

Abbiamo già accennato al collegamento tra i nostri organi e le Forze formatrici del Cosmo.

Facciamo ora un breve riassunto che ci consentirà di apprendere la motivazione della nostra insistenza sulla conoscenza almeno di base dell’astrologia sacra e della sua influenza nel corso della nostra esistenza.

Le Forze del Cosmo preparano la formazione del corpo umano e ne gestiscono anche il corso durante lo scorrere della vita fisica.

Con la nostra Consapevolezza possiamo comprendere moltissimi fatti che normalmente accadono a nostra insaputa, ma che, non appena ne prendiamo coscienza, diventano pilastri su cui appoggiare l’impostazione del nostro futuro.

I punti seguenti sono difficilmente confutabili (se non dai materialisti più incalliti che insistono nel voler rimanere ciechi e sordi manifestando uno stato di timore verso la conoscenza interna a loro stessi).

L’IO dell’essere umano per poter “formarsi” ha necessità che il corpo fisico rimanga esposto nell’arco delle 24 ore alle 7 costellazioni diurne e alle 5 notturne.

Il corpo astrale dell’essere umano ha necessità delle fasi lunari settimanali per una corretta formazione (le fasi dipendono dalla posizione della Terra e dall’illuminazione del Sole).

Il corpo eterico dell’essere umano ha la necessità di un ciclo di 28 giorni circa della Luna attorno alla Terra per un corretto sviluppo e mantenimento.

Il corpo fisico dell’essere umano necessita di quattro periodi nell’arco di un anno (stagioni) per poter venire in “contatto” con tutte le costellazioni dello zodiaco.

Ultimo, ma fondamentale:

lo spostamento di un grado della posizione del Sole (nello Zodiaco) richiede 72 anni circa (uno Yuga corrisponde a 360×72= 25.920 anni/ciclo solare) e proprio 72 anni è la durata media di vita di un essere umano; in pratica si nasce sotto una stella e si diparte sotto un’altra.

Il valore 72 appena indicato è importante per comprendere come anche la durata di vita media sia legata allo “scorrere” degli astri.

Ci sono nostri simili che lasciano il corpo fisico prima di tale età, altri che riescono a doppiare i 100 anni; tuttavia, quando si oltrepassano i 72 anni dovremmo essere molto riconoscenti alle Forze dell’universo per l’opportunità di portare ancora frutto giorno per giorno.

Lasciare il proprio contenitore prima dell’età indicata potrebbe dipendere anche da Forze che regolano i nostri compiti su questa Terra e in questa incarnazione.

Appassionandoci agli argomenti dell’Astrologia Sacra arriveremo da soli a comprendere tantissime cose che il materialismo calpesta, ma, soprattutto, impareremo a rispettare la Vita e le Entità che ci guidano, ben sapendo che anche il nostro Spirito intrappolato temporaneamente nel corpo fisico fa parte delle Forze del Cosmo.

Alla base c’è lo Zodiaco

In un precedente articolo – Lo stress: da cosa è composta l’Anima? – abbiamo indicato quanto segue in relazione ai segni zodiacali:

“È interessante osservare come i dodici Sali del Dott. Schüssler si accoppino perfettamente ai dodici segni zodiacali e possano venire assunti anche ciclicamente proprio in riferimento al proprio segno di nascita.”

Tabella per la correlazione tra segni zodiacali e Sali di Schüssler.
Nota: il sale “cloruro di sodio” equivale come composizione al sale da cucina, ma è in forma molecolare, quindi ha un effetto completamente differente.
Lo zodiaco può considerarsi lo “specchio” del corpo umano e di tutti i suoi organi.

Da questo concetto proviene la vera analisi di un oroscopo, di un tema natale, dei nodi lunari e di tutto ciò che concerne l’esistenza di un essere umano e delle sue opere.

La forma fisica dell’essere umano è stata realizzata in vari passaggi, dall’origine ha attraversato i differenti stadi degli animali e via via si è evoluta.

Le idee archetipiche degli animali sono state identificate e poste dai nostri antenati nel Cosmo.

Questi ultimi avevano la capacità di percepire le forze creatrici provenienti dal mondo spirituale e le esprimevano mediante forme immaginarie che chiamarono “il circolo degli animali” o lo Zodiaco come ora lo conosciamo, in quanto si manifestava alla loro coscienza nel mentre contemplavano il cielo stellato con gli archetipi degli animali.

Il ruolo del cervello
Lo sviluppo degli organi e dei sensi fisici nell’uomo ha offuscato la percezione spirituale fino a cancellarla del tutto e dove gli antichi percepivano ancora gli archetipi noi vediamo solo delle Costellazioni.

Le varie religioni hanno cercato di orientare le popolazioni verso percorsi e idee già “confezionate”, molto spesso impedendo ai loro adepti di ragionare su quanto prospettato, invitandoli anzi a prenderlo come un dogma indiscutibile.

Per esempio, anche nella Genesi si fa accenno agli Elohim o Spiriti della Forma (ciò che percepivano i nostri antenati) che potremmo considerare come le Entità intermediarie tra gli archetipi menzionati e l’azione creatrice sull’uomo.

Le differenti forme dello Zodiaco sono state messe in rapporto con le parti formatrici del corpo umano da Rudolf Steiner.

In una conferenza egli ha affermato: “Con la testa noi prendiamo il Cosmo in noi”; infatti, il nostro cranio è l’immagine della volta celeste.

L’essere umano è convinto di creare da sé i suoi pensieri; nella realtà egli ne prende la sostanza dal Cosmo e il cervello non è che uno strumento per la presa di coscienza, un ricevitore che consente di interpretare le varie informazioni in arrivo.

L’essere umano può venir visto come una pianta rovesciata con le radici nella testa, le foglie nel torace e i frutti nell’addome e nelle membra.

Analizzando strutturalmente e anatomicamente il nostro cervello, scopriremo che, come le radici di un albero, si dirama in tutte le direzioni.

Allo stesso modo, un’infinità di fili nervosi finemente ramificati captano i pensieri e le energie provenienti dal Cosmo.

Le costellazioni e lo sviluppo del corpo

Il dott. Steiner ci aiuta a comprendere l’Astrologia Sacra e i collegamenti con le parti del corpo fisico quando afferma che seguendo la direzione spirituale dell’umanità “se si potesse fotografare il cervello alla nascita, cielo e cervello fornirebbero immagini similari e ogni uomo avrebbe il proprio”, come abbiamo già riportato illustrando l’importanza del tema natale che “fotografa” il cielo alla nostra nascita.

I nostri antenati hanno individuato nell’immagine dell’Ariete la rappresentazione della testa dell’uomo e avevano l’abitudine di rappresentarlo con la testa girata all’indietro, simbolicamente verso il Cosmo e il passato, poiché le forze che vanno a comporre la testa provengono dalla precedente incarnazione.

Pertanto, il nostro cranio è l’immagine del nostro passato nella vita precedente.

Le immagini di un feto dimostrano che lo sviluppo fisico inizia proprio dalla testa e dal sistema nervoso.

Le sole forze individuate nella costellazione dell’Ariete non potrebbero dar vita a un individuo capace di vivere su questo pianeta.

Ecco quindi che intervengono le forze della costellazione del Toro che ci consentono di “scendere” sul pianeta Terra; infatti, il simbolo che i nostri antenati hanno identificato è un toro in procinto di saltare e quindi anche capace di deambulare fisicamente.

Dopo l’Ariete, ovvero la testa, troviamo il Toro, ovvero il collo, che ci consente il movimento in tutte le direzioni e la possibilità di operare nelle tre dimensioni, potendo utilizzare anche le labbra per emettere suoni e parole.

Muovendoci nello spazio fisico prendiamo coscienza dei nostri limiti esteriori e di quelli degli altri abitanti nostri simili. È come se ci sdoppiassimo e facessimo evolvere la nostra coscienza.

In sostanza, attraverso la costellazione dei Gemelli prendiamo coscienza di noi stessi e della nostra realtà duale (destra e sinistra), che è proprio una caratteristica dei Gemelli. Si considerano le Forze psichiche come predominanti e agenti nella parte destra, e quelle fisiche materiali nella parte sinistra.

Il dott. Steiner affermò in una conferenza tenutasi in data 8 gennaio 1924 che le linee della mano sinistra sono riflessi del karma, mentre quelle della mano destra rappresentano l’attività di questa vita.

La costellazione del Cancro ci porta a considerare il nostro torace così ben protetto dalla cassa toracica (in latino Cancer ha valore come barra o griglia), le costole che compongono la cassa toracica assomigliano, come forma, alla struttura del granchio.
Entriamo in un sistema composto di acqua e il Cancro è un segno d’acqua.

La costellazione del Leone rappresenta il nostro cuore, la sede del nostro IO e non c’è miglior sistema per identificarlo rispetto a quanto hanno fatto i nostri antenati.

Il Leone è un segno di fuoco, e quindi il cuore sta al centro del sistema di produzione di calore del nostro organismo; quel focolare che rappresenta anche il nostro IO (ne abbiamo parlato qui).

Tuttavia, il cuore inizia a formarsi a partire dal cervello e questo processo embrionale inizia proprio all’imbocco del cervello e solo progressivamente il cuore discende nella sua posizione finale. Il sangue, al contrario, inizia a formarsi al polo opposto e anche al di fuori dell’embrione propriamente detto, in un organo chiamato lecitocele.

Finché il cuore non sarà arrivato al proprio posto, il sangue penetra nell’embrione attraverso il peduncolo della lecitocele e risale verso il cuore finché quest’ultimo inizia a battere.

Con l’aiuto della luce il sangue si trasformerà in luce interiore proprio all’interno del cuore.

Steiner chiama questo processo “l’interiorizzazione del sangue”.

La costellazione della Vergine rappresenta la maturazione di tutto ciò che proviene dalle radici (nell’uomo sono verso l’alto rispetto alle piante) e si è riscaldato nel cuore, ovvero matura nel ventre; infatti, la pancia della Vergine rappresenta il processo di maturazione.

Tutto ciò che era energia per mezzo delle Forze della Vergine diviene materia, matura, e iniziano le forme fisiche.

La costellazione della Bilancia è l’unica rappresentata con l’immagine di un oggetto dove si evidenzia l‘equilibrio tra le forze cosmiche della levitazione e quelle della gravità terrestre.

Per esempio, i nostri due reni che potrebbero assimilarsi ai due piatti della bilancia non sono perfettamente allineati in quanto quello destro è leggermente più in basso come fosse soggetto alla gravità terrestre per le influenze delle due forze di cui sopra.

In altre diverse parti del nostro corpo possiamo riscontrare riflessi del simbolo della Bilancia come nelle ossa sacro e iliaco, dove l’inizio della colonna vertebrale rappresenta l’asta dei due piatti.

La costellazione dello Scorpione ben si adatta al controllo degli organi genitali e a quelli della secrezione in generale.

Infatti, tutto ciò che concerne l’eliminazione ben confà alle influenze di questo segno dal momento che quello che viene trattenuto e non eliminato diventa una tossina e tutto il sistema ne risente.

Il semplice fatto di non poter evacuare regolarmente provoca uno stato fisico e psichico alterato nell’essere umano.

Cercare di “interloquire” con le Forze di questo segno può aiutarci a comprendere le motivazioni che stanno alla base dei nostri problemi e magari scoprire che l’influenza esterna di qualche pianeta e/o costellazione non viene bilanciata con le Forze dello Scorpione e viene a crearsi qualche disfunzione.

Le ultime quattro costellazioni ovvero Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci sono intrinsecamente collegate con le attività “sottili” dell’essere umano.

La costellazione del Sagittario influenza l’essere umano con la funzione del cacciatore e agisce principalmente nella regione delle cosce, formando la parte più muscolosa e più forte dell’essere, pronta a scattare e muoversi come devono fare gli animali.

Anche i muscoli (tranne il cuore) sono sotto l’influenza del segno del Sagittario.

La costellazione del Capricorno influenza l’essere umano nella funzione dell’allevatore e gestisce il rapporto dell’uomo con il mondo esterno, mettendolo anche in collegamento con le forze e il carattere.

L’immagine del Capricorno è, infatti, metà capra e metà pesce.

Nell’essere umano si può considerare l’influenza di queste forze nello spessore dell’ossatura e della cartilagine, specialmente quella delle articolazioni.

La costellazione dell’Acquario influenza l’uomo nella funzione dell’agricoltore; il suo simbolo rappresenta un uomo o una donna che versano dell’acqua, solitamente verso delle piante in maniera da nutrirle e portare linfa vitale.

Sappiamo che il nutrimento linfatico nelle piante avviene, come per il sangue, nelle nostre arterie e, come afferma Steiner, non è il cuore a mettere in movimento il sangue, ma è il sangue stesso a far “battere” il cuore.

Questa affermazione potrà sembrare assurda, tuttavia a livello sottile è perfettamente condivisibile.

Le gambe e i polpacci, in particolare, sono “gestiti” dall’Acquario e quando non c’è sufficiente forza eterica il sangue tende a stagnare e far dilatare le vene e creare le varici.

La costellazione dei Pesci influenza l’essere umano nella funzione del commercio, ovvero nel sistema di scambiarsi le cose con i propri simili, di muoversi per creare qualcosa e per farlo utilizza i piedi che sono influenzati proprio dalle Forze di questo segno.

Pesci e Ariete sono in contatto tra loro nella scala dello Zodiaco che viene rappresentato come un cerchio chiuso e assomiglia a un embrione che è in fase di sviluppo e sta arrotolato su sé stesso, portando così i “Pesci a raggiungere l’Ariete”.

Le Forze del Cosmo

In forma esoterica possiamo anche interpretare l’arrivo su questa Terra con le Forze dell’Ariete e la dipartita con le Forze dei Pesci.

Nel mezzo ci stanno tutte le altre forze ed energie per poter completare i nostri compiti divini.

Così come il nostro pianeta è abitato da entità spirituali incarnate in noi uomini, anche gli altri pianeti e le costellazioni custodiscono forme di vita collegate ad altre Entità che rispetto a noi non possiedono un corpo fisico-materiale, ma dei “corpi sottili” come quelli di cui accenniamo spesso, oltre ad altre componenti più evolute che l’essere umano non ha ancora sviluppato.

Occorre specificare che oltre alle Entità e alle gerarchie “costruttive”, ce ne sono altre, che corrispondono alle entità “distruttive o bloccanti” che hanno seguito un tipo di evoluzione differente rispetto alle prime; anch’esse operano attraverso le sfere planetarie.

Rudolf Steiner afferma che il punto della sfera planetaria in cui si forma il pianeta fisico è quello in cui vengono a incontrarsi le forze delle entità “regolari” con quelle delle entità “irregolari”.

Un pianeta è quindi la conseguenza di questa interazione tra due forze che agiscono in senso opposto tra loro.

Quello che riceviamo dal cosmo sotto forma di influsso studiato appunto dagli astrologi, secondo la Scienza dello Spirito, sono forze generate dall’attività di gerarchie spirituali superiori, con le quali ci troviamo costantemente a interagire pur senza esserne consapevoli.

Noi uomini captiamo queste forze e le percepiamo in un modo o nell’altro a seconda del nostro grado di sviluppo e di evoluzione e a seconda delle risonanze che si vengono a formare tra le forze cosmiche stesse e quelle che la nostra anima sviluppa.

Infiammazione, dieta e Zodiaco
Quando ci ritroviamo, soprattutto dopo i 50 anni di età, ad accusare una certa stanchezza continua, un senso di instabilità, irritabilità, umore molto volubile, un senso di scontentezza che ci pervade… quando abbiamo grosse difficoltà a prendere sonno oppure risvegli frequenti, quando ci sentiamo “gonfi”, accusiamo dei crampi alle gambe, un sovente reflusso gastroesofageo e magari manifestiamo una sporgenza addominale pur lieve (grasso addominale/viscerale), possiamo stare certi che l’infiammazione è venuta a trovarci.

La causa risiede quasi sicuramente nella nostra alimentazione sbagliata, di cui i maggiori responsabili informativi e ipnotizzanti sono i mezzi di comunicazione (quindi le persone che li gestiscono) e anche i medici troppo inclini a non chiedersi il perché delle cose.

Astrologicamente il nostro “albero” è in fiamme e poco per volta le forze che gestiscono le varie parti del nostro corpo e sono controllate dalle Costellazioni, come sopra riportato, non riescono più a contrastare l’eccesso di zuccheri che ingeriamo e cercano di segnalarcelo in tutte le maniere.

Come possiamo quindi provare a risolvere lo stato infiammatorio?

Un buon punto di partenza è l’eliminazione degli zuccheri in eccesso. Dobbiamo quindi eliminare lo zucchero vero e proprio, gli zuccheri che derivano dagli amidi e dai carboidrati (ancora più pericolosi per le quantità ingerite) e dalla frutta.

Iniziando questo trattamento noteremo che le varie parti del nostro corpo inizieranno a “ringiovanire” (nei limiti del possibile e in funzione della nostra età anagrafica!).

Tuttavia, è molto probabile che scompariranno i dolori e ritorneremo ad avere un trascorrere soddisfacente.

La nostra Consapevolezza aumenterà di conseguenza e, come per magia, con la mente più “pura e concentrata” potremo percepire distintamente le differenti vibrazioni delle varie Costellazioni che, come per incanto, vorranno “parlarci”.

All’inizio sarà solamente il notare qualcosa di differente col passare delle ore della giornata, ma il ripetersi continuo di ciò tutti i giorni ci farà comprendere quale Entità e vibrazione sia più attiva in quel momento.Aumentare la nostra Consapevolezza è come migliorare la nostra capacità visiva sia fisica che sottile, al pari dei due scatti riportati qui sotto.

Foto in astrofotografia con esposizione di 3 secondi, scattata in data 24 marzo 2024. Si può notare il Cane minore in evidenza.
Stessa posizione con esposizione di 4 minuti, data 24 marzo 202. La quantità di stelle visibili si decuplica.
Questo contributo è stato scritto dall’ing. Stefani nell’aprile 2024.