Tempo di lettura: 7 minuti
Ti è mai capitato di avere la sinusite?

Ricordi i sintomi e quello spiacevole stato in cui il mondo esterno sembra ovattato, duole la testa, le tempie sembrano scoppiare e si ha un dolore in mezzo agli occhi così forte che anche il solo dover leggere delle parole crea molto fastidio?

Magari sei tra coloro a cui è capitato di notare che quel mal di testa si estende sino a raggiungere la cervicale e a volte proprio non se ne vuole andare.

Premessa

Molto spesso, purtroppo, i sintomi della sinusite si manifestano accompagnandosi a quella che viene definita “sindrome del colon irritabile”, oppure a una certa permeabilità intestinale (le tossine passano nel sangue direttamente per le pareti dello stomaco o dell’intestino).

Nella nostra ricerca e nell’ambito del percorso di informazione fisico-sottile che stiamo portando avanti è fondamentale analizzare passo per passo sia la struttura fisica sia quella sottile dove si manifesta la patologia, e quindi ricercare le possibili cause o concause.

Cos’è la sinusite?

In questo articolo analizziamo la sinusite vera e propria e non le manifestazioni simili alla sinusite causate dalle intolleranze alimentari.

Svilupperemo presto il tema delle intolleranze alimentari per riportare anche le sperimentazioni effettuate e la metodologia – a nostro parere! – valida all’identificazione degli alimenti a cui il nostro sistema risulta intollerante e reagisce, avvisandoci fin da piccoli sugli errori alimentari che compiamo o abbiamo compiuto, sia noi che i nostri padri e i nostri nonni.

Ma cos’è la sinusite?

La sinusite è uno stato di infiammazione che interessa i seni nasali e quelli paranasali, i quali fanno parte a loro volta del sistema ritmico dell’essere umano, dal momento che sono in comunicazione con gli organi della respirazione.

Ne abbiamo già parlato: le cavità nasali sono come delle “camere” in cui il nostro corpo astrale, che si manifesta tramite lo stato gassoso dell’aria, entra in noi stessi e ci aiuta nella nostra crescita e formazione.

Quando un bimbo inizia a formulare le prime parole non utilizza mai il termine “io”, ma di solito dice il proprio nome, ad esempio “Antonio” e termina poi la frase in terza persona, ad esempio “Antonio ha fame”.

Dopo il terzo anno di età, quando anche i seni nasali si sono ampliati, il bambino dice “io ho fame” e quello è il segnale di un inizio di Coscienza, ovvero che il corpo astrale è presente in pianta stabile, sta formando il nuovo essere e vi è un IO Cosciente presente.

I seni nasali si sviluppano in varie fasi e nei settenni successivi fino al ventesimo/ventunesimo anno d’età, quando tutte le cavità nasali avranno raggiunto lo stato di maturità.

Puoi ora comprendere perché una sinusite provoca quello stato di intontimento e di “annebbiamento” della Coscienza: le cavità presenti nella nostra testa sono infiammate e il nostro corpo astrale non può lavorare pienamente!

I sintomi iniziali di una sinusite assomigliano moltissimo a quelli di un raffreddore.

La sinusite tende a manifestarsi tramite una serie di starnuti, un leggero mal di testa, una infiammazione fastidiosa delle vie nasali e il classico intorpidimento coscienziale.

Seni nasali e paranasali e il corpo astrale

Insistiamo sul legame tra i seni paranasali e il corpo astrale perché, essendo quest’ultimo anche il vettore per la manifestazione della “vita psichica”, accade molto spesso che la sinusite venga quasi dimenticata dopo aver superato l’infiammazione e non se ne ricerchino più le cause.

Quando comincia la stagione fredda capita spesso che ritornino i sintomi, a partire dal tipico mal di testa sopra descritto.

La sinusite ha origine da una perdita di calore nella nostra parte fisica superiore, segno evidente che il nostro IO ha subìto un attacco e un indebolimento.

Il rigonfiamento della mucosa nasale ostruisce la libera circolazione dell’ossigeno, il corpo astrale subisce una forzatura di separazione dall’IO e si ha una predominanza del corpo eterico.

Occorre per prima cosa ripristinare il calore permettendo al nostro IO di riprendere il controllo della situazione.

Ricorda che il calore è il mezzo di manifestazione del nostro IO!

>> Per approfondire: Gli stati febbrili: come analizzarli per comprenderli

Rimedi naturali per la sinusite

Esiste un vecchissimo “rimedio della nonna” che permette una rapida guarigione dall’infiammazione interna tipica della sinusite.

Questo rimedico consiste nel grattugiare un po’ di radice di rafano, quella che accompagna di solito i piatti di bollito misto nelle trattorie.

La radice così grattugiata va posta in un panno sottile a contatto con la parete dolorante per un massimo di dieci minuti, o meno, a seconda del grado di sopportazione del paziente.

Il rafano attira l’infiammazione interna verso l’esterno (sulla base del concetto che il simile attira il simile) con una forza potente.
Per qualche giorno, infatti, rimarrà probabilmente un arrossamento in viso.

L’applicazione non deve essere ripetuta se non una volta al giorno e comunque rilevandone i rapidi benefici.

Rafano. In alcuni dialetti si usa spesso il termine Cren.
Il rafano si trova fresco in autunno/inverno e sembra proprio che Madre Natura abbia ben calcolato le tempistiche adatte alla nostra salute!

Un altro rimedio di antica tradizione, ma che ha fondatezze reali come nel caso del rafano è l’impasto di semi di lino.
Sminuzzati e messi a riscaldare in un pentolino senza mai farli bollire, i semi di lino si rivelano efficaci per il trattamento della sinusite in maniera naturale.

Dobbiamo fare attenzione a non “distruggere” la vita interna dei semi stessi, per questo non devono bollire, ma solo essere riscaldati.
L’impasto di semi di lino va tenuto in un telo a contatto con la parte da trattare e si può arrivare a 15/20 minuti di posa senza il rischio di arrossamenti prolungati.

Per aiutare un effetto astringente sulle mucose rigonfie, sono utili anche le più classiche inalazioni di oli essenziali di limone ed eucalipto. Ne bastano poche gocce diluite per evitare irritazioni!

Nel caso di dolore persistente sono, invece, indicati i suffumigi preparati con camomilla naturale e un cucchiaino di bicarbonato.

Le origini sottili della sinusite

In collegamento con il manifestarsi della sinusite e dei suoi sintomi occorre valutare le origini sottili di questa patologia.

Tutti noi possiamo fare una analisi attenta alle cause e cercare di trovare alcune corrispondenze con gli avvenimenti precedenti la manifestazione in questione.

Chiediamoci:

– Abbiamo avuto un incontro o una discussione con un soggetto di cui non sopportiamo più la presenza e persino “l’odore”?
L’olfatto è un senso molto importante per il piacere sensoriale e l’infiammazione dei seni paranasali potrebbe indicare una frustrazione, una forzatura di qualsiasi genere, il tentativo di allontanare un odore particolare o quello di una persona divenuta sgradita.

– Siamo stati forzati a effettuare una azione di cui il nostro Sé tentava di comunicarci l’opposto?
In questo caso si tratta di uno scompenso energetico sottile a cui dovremo cercare rimedio con una buona analisi e/o meditazione sui fatti.

Come aumentare le difese?
La reazione dei percettori atti al nostro senso dell’odorato si traduce molto spesso in una azione tramite il corpo astrale verso il corpo eterico e quindi in ricaduta sul corpo fisico con delle manifestazioni che a volte sembra impossibile anche solo immaginare.

Come agire quindi?

In conclusione, analizziamo se la nostra sinusite ha avuto origine da una perdita di calore, da una situazione scomoda o da una possibile intolleranza.

Iniziamo a osservare, per esempio, cosa accade dopo l’assunzione di caseina e quindi di quasi tutti i prodotti caseari nel mentre ci troviamo in situazioni di stress.

Eventuali virus che ci hanno attaccato hanno trovato “terreno fertile” proprio perché eravamo in una delle situazioni appena accennate.

Diamoci da fare per risolverle e anche la sinusite cesserà di assillarci!

Il Maestro Swami Sri Yukteswar affermava che “… un ospite indesiderato se ne va in fretta …”, facciamo in modo sia proprio così.

Il percorso base di informazione “fisico-sottile” in merito alla costituzione dell’uomo e alla cura della persona è scritto dall’ing. Stefani, a partire da ottobre 2022.