Tempo di lettura: 4 minuti
Claudia Rainville è una biologa medica canadese, autrice di numerosi libri.

Dopo aver affrontato e superato molti disagi personali, dalla depressione al cancro, Rainville definisce il suo nuovo approccio alla medicina, che ha chiamato Metamedicina.

Intuisce il collegamento profondo tra il malessere/malattia e una memoria inconscia o credenza che dentro di noi fa reagire il corpo in un modo piuttosto che in un altro.

Quando una situazione provoca in noi una reazione emotiva, vi sono forti probabilità che questa situazione sia in risonanza con un evento passato registrato nella memoria emozionale.

Claudia Rainville
Nei suoi vari testi, scopriamo le fondamenta della Metamedicina, le spiegazioni e il percorso che l’autrice ha fatto e che l’ha portata alla sua creazione.

Il testo che ti proponiamo oggi, invece, è un vero e proprio dizionario, cioè un libro da tenere a portata di mano per la sua consultazione, e in cui troviamo descritto il collegamento inconscio alla malattia/problema.

Tutto nasce da un disagio interno non espresso o da una credenza.

Non può esservi malattia se inizialmente dentro di noi non vi è un’emozione non espressa o credenza profonda.
Neanche un semplice raffreddore potrebbe verificarsi. Neanche un incidente.

Del resto, tutto ciò che accade è giusto e perfetto e non può non accadere.
Quindi, se si verifica un problema nel corpo, nel profondo di noi c’è una parte, anche piccolissima, che è convinta di qualcosa (ma non lo sa, non se ne rende conto), e quel qualcosa induce al manifestarsi della malattia o incidente.

Come si consulta il testo? Come un normale dizionario, in ordine alfabetico.

Quello che troveremo sotto la voce che cerchiamo è una spiegazione dell’organo, poi della malattia, e soprattutto una o più domande che fanno riflettere sul perché è comparso quello specifico problema sul corpo; si tratta di domande che aiutano a indagare da soli sulle cause della manifestazione.

Il semplice prendere consapevolezza del motivo aiuta immediatamente ad alleggerire il problema.

Spesso troviamo anche un esempio reale di chi è guarito dopo aver consapevolizzato la radice del problema.

Il punto è che ogni sintomo è un messaggio, come recita il titolo di un altro ottimo libro della Rainville.
Ascoltare il messaggio che il nostro corpo ci sta affidando tramite quel disagio ci permette di sradicarlo profondamente e guarirlo del tutto.

Il grande dizionario della Metamedicina

Di seguito ti lasciamo un breve estratto del libro.

GINOCCHIO
È un’articolazione importante che permette di flettere le gambe e di piegarci. Rappresenta la flessibilità, ma anche la sottomissione e l’umiltà.

Dolore al ginocchio: è per lo più legato a situazioni conflittuali concernenti la sottomissione. Può essere che ci rifiutiamo di piegarci o che ci imponiamo di fare qualcosa per il timore di dispiacere a qualcuno o di non essere amati.

• Trovo difficile accettare le osservazioni o i suggerimenti altrui?
• Sono stato troppo conciliante in passato e non lo sono abbastanza attualmente?
• Il mio inconscio vuole dirmi “Non ti stai piegando troppo facilmente a una decisione?”

(Sotto “ginocchio” troviamo altre voci relative ai vari problemi al ginocchio).

CANCRO PRIMARIO DEL FEGATO
Ci sono due tipi di tumori primitivi del fegato: l’adenocarcinoma epatico, che si sviluppa a detrimento del parenchima del fegato, e l’epitelioma colangiocellulare che si sviluppa a partire dalle cellule parietali dei canali biliari.

Adenocarcinoma epatico: è associato ad un eccesso di emozioni negative riguardanti l’insoddisfazione dei nostri bisogni vitali o la paura di morire di fame. Essendo stato appurato che la particolarità dei tumori al fegato è il massimo utilizzo di un’alimentazione ridotta, si comprende meglio l’analogia tra la sensazione di insufficienza e la comparsa di questo tumore.

• Ne ho abbastanza di vivere continuamente nelle ristrettezze, nella paura di restare senza denaro e senza cibo?
• Ho vissuto forti emozioni in relazione ai miei risparmi o a un’eredità, o ho fortemente temuto di non riuscire a mantenere i miei figli?

Epitelioma colangiocellulare: questo tipo di cancro riguarda il nostro rapporto con gli altri, molto spesso caratterizzato da situazioni di ingiustizia.

• Ho provato sentimenti di collera o di rancore a causa di una situazione che considero ingiusta?

MACCHIE SCURE
Chiazze pigmentate e piatte sulla pelle, spesso di colore scuro. Sono correlate a situazioni nelle quali ci si è sentiti colpiti nella propria integrità, suscitando un sentimento di vergogna, di umiliazione e a volte di rancore.

• Ho vissuto una situazione in cui mi sono sentito umiliato, denigrato o abusato e che mi ha lasciato un sentimento di vergogna?

Marilena aveva sette anni. Era in classe quando una delle sue compagne rivolgendosi alla maestra, disse: “Maestra, è sparita la mela che ho portato a merenda”.
La maestra cercò nelle cartelle di tutti i compagni e la mela venne ritrovata nella cartella di Marilena.

Marilena restò stupita da una simile scoperta, perché non aveva mai rubato la mela della sua compagna, ma fu considerata una ladra. Marilena si vergognò profondamente. Per giunta, la maestra convocò sua madre a scuola. Quest’ultima, furibonda con la figlia, la schiaffeggiò davanti alla maestra.

Dopo quell’evento, Marilena iniziò a soffrire di macchie rosse distribuite su tutto il corpo. E in seguito comparvero anche macchie scure sul suo viso.

Hai già avuto modo di leggere questo libro? Ti incuriosisce?

Facci sapere nei commenti cosa ne pensi.
O scrivici a info@biofotoni.com.

Troverai sicuramente il libro in biblioteca, in libreria e online sui principali store, come il Giardino dei LibriMacrolibrarsi.

Il libro è disponibile anche su Amazon.