Tempo di lettura: 6 minuti
Nel raccontare la missione della EPICARD, il dottor Oliviero parte spesso da una semplice, ma fondamentale domanda:
Da dove nasce la sofferenza dell’essere umano?

E questa è la risposta che ha dato: “Dopo tanti anni, mi sono reso conto che la nascita di una patologia cronica è sempre legata a una carenza di energia in un locus minoris resistentiae (punto più debole) del corpo.”

Secondo il dott. Oliviero, non è sufficiente intervenire su sintomi di una malattia, ma è necessario indagare le cause profonde, tenendo conto dello squilibrio energetico che è alla base del problema patologico.

Nel corso delle ricerche con l’ing. Stefani, si è delineato l’assunto di base che ha portato alla nascita di Epicard e degli altri strumenti ideati dai due professionisti.

“Crediamo che tutto ciò che siste parta da una vibrazione primordiale, l’OM, una frequenza vibratoria energetica che racchiude tutto l’Infinito e tutta l’Eternità, poiché va oltre lo spazio e il tempo.
È quindi possibile dedurre che per ripristinare lo squilibrio e arrivare di nuovo all’equilibrio perduto occorra ristabilire all’interno e all’esterno del corpo fisico e della mente della persona un’armonia costante, ovviamente non fissa e lineare, ma oscillante con le vibrazioni collegate con la salute e il ben-essere.”

Su queste basi è nata Epicard, per riconnetterci alla Vibrazione primordiale, all’armonia primigenia perduta… una card in grado di risincronizzare gli emisferi cerebrali e l’asse energetico verticale del corpo fisico dell’essere vivente.

In questi anni – la prima edizione del manaule “Epicard – Le 9 C del Ben-Essere” fu stampata nel luglio 2018 – Epicard ha aiutato moltissime persone, uomini e donne che hanno ritrovato armonia e centratura.

Il dottor Oliviero ha visto e continua a vedere i risultati in sede di visita e durante le conferenze che tiene.

Da quando abbiamo creato il progetto “Episcienza e Biofotoni”, abbiamo iniziato a raccogliere anche noi delle bellissime testimonianze: ci fa sempre molto piacere leggervi e ascoltarvi, e conserviamo con cura le vostre parole.

Ricorda sempre, però, che ognuno di noi è qui per compiere il proprio personale percorso. Non siamo qui per copiare o farci influenzare dalle esperienze e dai risultati degli altri.

Come ripetiamo spesso, non si tratta di “credere” e di vendere felicità. Non serve.
Si tratta di ricercare, di prendere in esame un’ipotesi e di verificarla, sperimentando in prima persona.

Questo è, infatti, l’invito che ti rivolgiamo in ogni approfondimento del nostro blog.

L’unicità di ogni cosa
A fine dicembre 2023 abbiamo iniziato a presentare un nuovo dispositivo, la Piastra EPI.

Ci teniamo a sottolineare un concetto cui non abbiamo dato molto risalto, ma che si è presentato in alcune domande ricevute negli scorsi giorni.

La Piastra EPI NON sostituisce la Epicard.

Epicard continua a essere presente, continua a essere un valido strumento per aiutarci a superare gli stati di dissonanza cognitiva in cui possiamo trovarci. Epicard riequilibra la nostra sfera emotiva e la nostra parte razionale, e ci accompagna, grazie anche all’azione di centratura di tutti i chakra, a riappropriarci della nostra Vita.

Ecco, quindi, che il suo ruolo rimane e rimarrà centrale.

Gli studi e le ricerche del dott. Oliviero e dell’ing. Stefani continuano, e hanno portato alla nascita di nuovi strumenti e dispositivi, tra cui proprio la più recente Piastra EPI.

Nell’attesa di addentrarci nella conoscenza della Piastra EPI, abbiamo voluto condividere alcune tra le più recenti testimonianze giunte su Epicard.

Grazie sempre per scriverci e condividere le vostre esperienze, è un grande aiuto reciproco.

La testimonianza di Carla

Buongiorno,

mi sono iscritta oggi al vostro sito ma in realtà vi conosco da almeno 1 anno in quanto mio marito si era iscritto tempo fa e aveva acquistato 2 Epicard, una per lui e uno l’ha regalata a me.

Io da allora non l’ho mai abbandonata, mi ha rimesso a nuovo l’apparato digerente che era parecchio compromesso a causa di forti dispiaceri.

Ebbene, non solo fisicamente ho ottenuto grandi vantaggi, ma poco alla volta ho imparato a gestire molto meglio le emozioni e le tempeste psicologiche.

Grazie di cuore a voi,

Carla

La testimonianza di Margaret

Buongiorno,

vi scrivo per ringraziarvi e per raccontarvi la mia esperienza con Epicard.

La card mi è stata regalata da un’amica sei mesi fa circa e da quando ce l’ho la porto sempre con me.

Non sono più giovanissima e combatto da anni con qualche acciacco.
Da quando uso Epicard ho notato una differenza rispetto alla me di prima: mi sento più forte e più equilibrata.

Ho sempre cercato di mantenermi attiva, di camminare molto e di fare esercizio.
Ero arrivata a un punto in cui facevo fatica a finire una breve lezione di ginnastica avendo dolori diffusi.

Pensavo dipendesse dalla mia età e da un decadimento fisiologico.
Gli esami non hanno riscontrato nulla di strano, ma io mi sentivo sempre stanca e dolorante.

Da quando uso Epicard con costanza non ho perso una lezione e anche la mia insegnante di ginnastica ha notato la mia ripresa e i miei miglioramenti.

Vi prego di riportare i miei ringraziamenti all’ing. Stefani e al dott. Oliviero.
Grazie e Buona Vita,

Margaret

La testimonianza di Fabrizio

Buongiorno,

vi seguo da quando avete proposto la prima Azione per San Michele e vi avevo già scritto per dare la mia testimonianza.

Il mese scorso ho deciso di acquistare Epicard, ho letto il libro velocemente e ho iniziato a portare la card con me durante il giorno e a tenerla vicino al cuscino durante la notte.

Sono circa cinque anni che mi sono avvicinato alle tecniche energetiche e ho svolto vari corsi sui chakra e sui cristalli.
Volevo riportare la mia esperienza con Epicard riguardo ai chakra, in particolare.

Ho un po’ imparato a capire quando sono bloccato, quale chakra è più coinvolto quando ho dei disturbi e ho provato a usare Epicard per scaricare le congestioni e armonizzare nuovamente tutti i chakra.

Posso confermare che gli effetti si sentono, dopo il trattamento con Epicard sento che l’energia riprende a scorrere in maniera più fluida.

Sono curioso di scoprire il nuovo dispositivo a cui state lavorando, vi auguro buon lavoro e grazie per i vostri articoli.

Cari saluti,

Fabrizio

Condividere il cambiamento

Carla, Margaret e Fabrizio ci hanno scritto un’e-mail a info@biofotoni.com.

Ci seguono anche tramite la nostra newsletter, Info Utili: puoi iscriverti qui se desideri leggere in anteprima gli approfondimenti del blog Info Utili.

E se hai vissuto anche tu qualcosa di simile e vuoi condividere la tua esperienza, non esitare a scriverci via e-mail o a raccontarci il tutto nei commenti qui sotto.